Pensiero numero sessantotto

103319404-165623db-5503-4552-9767-e30a8837c03b-th
Violazione di spazio aereo, abbattuto caccia russo

Uno non ci vuole nemmeno pensare a certe cose. Come quella per esempio che fa pensare ad una provocazione da parte della Russia. La volgarissima scintilla che fa saltare la polveriera.
Uno non ci vorrebbe pensare ma chissà come mai salta all’attenzione. E non riesci a toglierla, da dove si trova.
Poi però ti rilassi e ti viene da pensare che magari è come uno dei tanti casi di sconfinamento dello spazio aereo, anche se c’è scappato un caccia distrutto. Che non è la tanto agognata scintilla della guerra mondiale che, principalmente, si consumerebbe su questi computer. E poi militarmente.
Adesso sei abbastanza rilassato per pensare che si tratta di una notizia come tutte le altre. Che ha la rilevanza che ha per essere praticamente fresca.
Ma non si sarà mai rilassati abbastanza per pensare che “non c’è pace tra gli ulivi”, come il titolo del film di Giuseppe De Santis. Che sembrerebbe scomparsa l’attenzione e la moderazione da parte di tanti paesi, e quindi ogni volta ci si deve far riconoscere.
Se la Russia capisse che un piccolo conflitto in determinate zone ne scatenerebbe uno più grosso a macchia d’olio, che potrebbe anche interessarlo lateralmente, magari certe sconfinate le eviterebbe. La volontarietà non la si conosce. Ma si spera che non ci sia. Perché sarebbe davvero grave…

Pensiero numero ventidue

Il Papa parla alle Nazioni Unite

Si riprende quanto detto nell’editoriale del sabato sul Blog di Matteo (L’editoriale del sabato).
E si può aggiungere che un tavolo delle Nazioni Unite su come si deve essere adeguati alla sopravvivenza degli uomini è abbastanza impellente. Più di tanto tempo fa, ci deve essere una direzione con cui creare una strada che permetta agli uomini di non essere in balia dei governi come successo in Ungheria dove si è ricorsi ai muri per bloccare una cosa abbastanza comprensibile come le migrazioni. Si dice “abbastanza” perché non ci si può nascondere dietro il dito del fatto che per tutti al mondo funzione l’acronimo “NIMBY”, che tradotto in italiano vorrebbe dire “non nel mio giardino”.
Le migrazioni dovrebbero avere anch’esse delle regole, altrimenti ciascuno si obbliga a seconda delle condizioni in cui si trova al momento. E la vita umana di queste persone che migrano ha una sua sacralità, se non rispettabilità, che si deve guardare.
A presto si potrebbe salutare la notizia per cui all’Onu non va solo Malala a protestare ma c’è la spinta dei membri stessi a cercare una soluzione al fenomeno delle migrazioni. Ma un presto simile esisterà soltanto quando ci sarà meno “NIMBY” e più “IMBY”, cioè “nel mio giardino”.