Pensiero numero centodiciassette

Per un certo verso, anche i sindaci dovrebbero avere un decalogo ed una deontologia. Come i medici che giurano con il giuramento di Ippocrate.
Non c’è poi tanta differenza tra un dottore e un sindaco, sotto il profilo dell’essere un pubblico ufficiale.
Ma poi bisogna pensare alla città e non solo al sindaco. I cittadini dovrebbero avere qualcosa a cui appellarsi se il proprio sindaco manca al giuramento che fa verso i propri amministrati.

Bisognerebbe pensarla più a fondo.
Ma la base di partenza, subito nella discussione, è che il Leviatano può essere o meno sorpassato da qualcosa che agisca più efficacemente dell’assemblea dei cittadini.
E’ come se ci fosse la necessità di un controllo maggiore passo dopo passo. Per evitare quelle indecorose foto del neosindaco che si fa scortare in bicicletta da due vigili o non usi una auto del comune per i propri spostamenti.
E’ tutto ammirevole, ma non ha tutti i torti la candidata dei Cinque Stelle che mette l’amministrazione disastrata della città per cui si candida tra le priorità di azione.
La domanda adesso è: come agiranno gli altri candidati?
E poi: da chi dovrebbe partire l’input per un eventuale decalogo del buon sindaco?

Pensiero del 28 dicembre 2015

x-default
Tutti quanti a rincorrere il cane per la strada. A guardare le vetrine di sfuggita.
Perché si cerca di dimagrire e non si è fatto a meno di una fetta succulenta di panettone o di un pezzo di torrone o panforte.
Il consiglio è sempre quello: scarpe adatte e vestiti comodi. Non c’è da lesinare sul prezzo, visto che di corpi se ne ha uno solo.

I consigli del Corriere della SeraI consigli sul camminare di OGGI

Pensiero numero cinquantacinque

fogli-di-carta--spazzatura--carta-strappata--texture_3302638
La Catalogna conquista l’indipendenza

Da oggi lo strappo esiste, anche se Rajoy vorrebbe fare di tutto affinché la Catalogna rimanesse nella madrepatria.
E’ uno strappo che prima di tutto porta ad una domanda: quale sarà il destino della Catalogna? Detto più specificatamente: come farà a costruirsi una economia e un governo sufficientemente adeguati ad un 2015?
Perché lo scivolone verso essere un paradiso fiscale del ventunesimo secolo o verso la sede delle società protette ad uso e consumo dell’imprenditoria mondiale è di breve durata. La Catalogna deve stringere la cinghia e andare incontro al mondo armata di se stessa. E tutto quello che le si può dire è in bocca al lupo, e che non debba mai finire sotterrata dalle pernacchie di chi ha sempre detto che da sola non ce l’avrebbe mai fatta.

Pensiero numero quarantanove

094755884-8463b60a-8efe-4fa3-b2f7-6c676e2225eb

Ancora maltempo in Calabria

Quello che si può dire lo dicono Notizio e Domanda nella vignetta di ieri:

01-11-2015

Pensiero numero quarantotto

x-default
2° parte: Lina Bolzoni e il Theatro

Come si può pensare che la cultura sia qualcosa di finito?
Già di per sé questo scritto è parte di una cultura che si crea nell’atto di scrivere. E che quindi sfata il mito della cultura finita.
Perfino Google nasce dal progetto di dare ordine al disordine. Di togliere dal mare della caoticità tutto lo scibile che transita per Internet.
E’ però bello che qualcuno abbia provato a fare della cultura un sistema chiuso, anche se chiuso nella sua accezione di controllato e controllabile dal canto dell’imbrigliamento e del catalogare necessario. A che cosa? Al non perdersi all’interno e al non perdere quello che altrimenti andrebbe perso nella ricerca.
Bene venga sapere che qualcuno ha fatto qualcosa di simile e bello sarà, per chi comprerà il libro, godersi tutta la storia.

Compralo qui!

Giulio Camillo su Wikipedia