Pensiero numero cinquantasette

malloppo

Ex Abate scoperto con soldi non suoi

Non si può negare che i soldi non siano una cosa importante. Se in questo momento si stanno componendo queste righe è perché c’è la corrente nel computer, pagata con i soldi, e l’ADSL, pagato con i soldi, permette una diffusione su Internet. Oltre giustamente ad esserci un pagamento per avere un sito internet e delle conoscenze di utilizzo della macchina computer, pagate anch’esse.
Quello che non si capisce è come mai un prelato, che dovrebbe vivere la sua missione come qualcosa che prescinde l’essere terreno e caduco della materia, abbia fatto tutto questo che, è bene sottolinearlo, è ancora una accusa.
Non si riesce a comprendere cosa ci faccia un prete con così tanti soldi. Non sarebbe meglio metterli a disposizione di scopi più legati al suo essere un sacerdote, piuttosto che legati al suo essere un privato cittadino?