Pensiero numero centosette

A volte esistono delle cretinate che mandano in brodo di giuggiole…
E magari non ci se ne rende conto. Ma si finisce a sbavare per, alle volte, il vuoto pneumatico.
Si guardano artisti che fanno girare l’industria dello showbiz e si cerca di essere come loro.
Non che loro siano il vuoto pneumatico. Però quello che gli viene costruito intorno, pur essendo loro delle teste pensanti, li rende alla fin fine il demonio.
A cui menti giovanissime non sanno resistere e ne cercano l’emulazione.
I genitori devono forse preoccuparsi di tutto questo?
In fondo sono delle fasi: passano.
Come sono passati tutti gli artisti prima di loro…
Quello che fa la differenza è ciò che resta, al di fuori dell’effimero.
Se anche solo uno di quegli artisti ha fatto bene il proprio lavoro, non si è trattato di pura industrialità, ma di vera e propria cultura.

Pensiero numero novantadue

180515

In commercio i cannoni che tolgono l’inquinamento dall’aria

Tanti in bocca al lupo alla Cina, che pensa di evitare il problema dell’inquinamento togliendo quello delle città e non quello del paese intero.

Pensiero numero cinquantuno

1442471342-papa10
Intervista a Gianluigi Nuzzi

A sentire l’intervista, viene agli occhi un uomo che è assediato. Un soggetto solo al comando che di comando ne ha molto poco. Non si può che non essere d’accordo con Nuzzi nel dire che Papa Francesco ha appena iniziato e che per cambiare le cose ci vuole tempo. Ma la gente comune, quella che assedia Piazza S.Pietro ogni mercoledì e ogni domenica per vedere quel Papa, avrà voglia di dare quel tempo ai cardinali se non a lui?

Pensiero numero quarantatre

telelavoro-638x425

Il lavoro diventa “agile”
Lavorare da casa è un indubbio vantaggio per chi magari ha dei figli o dei genitori a cui badare. Si toglierebbe alla categoria delle badanti tanto lavoro e tanto guadagno. Ma in fondo le cose si trasformano e se una azienda, tolti gli scarti che non si vogliono di torno, si accontenta di un lavorare fatto di prodotti internettiani perché no?
Basta che il lavorare agile non diventi l’anticamera per tutte quelle persone che sono sgradite all’ambiente di lavoro e di cui ci si vuole sbarazzare…