Pensiero numero centodiciassette

Per un certo verso, anche i sindaci dovrebbero avere un decalogo ed una deontologia. Come i medici che giurano con il giuramento di Ippocrate.
Non c’è poi tanta differenza tra un dottore e un sindaco, sotto il profilo dell’essere un pubblico ufficiale.
Ma poi bisogna pensare alla città e non solo al sindaco. I cittadini dovrebbero avere qualcosa a cui appellarsi se il proprio sindaco manca al giuramento che fa verso i propri amministrati.

Bisognerebbe pensarla più a fondo.
Ma la base di partenza, subito nella discussione, è che il Leviatano può essere o meno sorpassato da qualcosa che agisca più efficacemente dell’assemblea dei cittadini.
E’ come se ci fosse la necessità di un controllo maggiore passo dopo passo. Per evitare quelle indecorose foto del neosindaco che si fa scortare in bicicletta da due vigili o non usi una auto del comune per i propri spostamenti.
E’ tutto ammirevole, ma non ha tutti i torti la candidata dei Cinque Stelle che mette l’amministrazione disastrata della città per cui si candida tra le priorità di azione.
La domanda adesso è: come agiranno gli altri candidati?
E poi: da chi dovrebbe partire l’input per un eventuale decalogo del buon sindaco?

Pensiero numero ventitre

A rischio le auto di Polizia e Carabinieri italiane

Come si può permettere ad una dirigenza di fare certi trucchi con le macchine che producono? Non può essere tutto per mantenere uno standard economico e produttivo. Ci deve essere qualcos’altro che bolle in pentola.
E molto probabilmente il tutto sta nel fare in modo che un paese non perda la propria missione di faro illuminante del resto dell’Europa.
Quello che hanno ottenuto è stato diventare uno zimbello duro e puro. Non ci sarà più tutta quella voglia di assomigliare a quel paese, visto che per vendere le proprie macchine si truccano i risultati delle agenzie di controllo dei paesi dove queste macchine arrivano.
La cosa migliore che Angela Merkel può fare quale esponente politico del paese è farsi parte civile in un eventuale processo di class action che i siti di informazione ventilano verso l’ex ad Winterkorn.
Ma prima ancora, per quanto riguarda il paese Italia, c’è la vergogna delle Forze dell’Ordine di aver accettato, sicuramente senza saperlo, delle macchine truccate. Una volta esisteva la Fiat in Italia…

Pensiero numero diciannove

Si allarga lo scandalo Wolksvagen

E’ davvero vergognoso, e lo si può dire tranquillamente magari passando per colpipancia dell’opinione pubblica, che chi ha sempre detto che gli altri truccavano le carte dei loro conti adesso non venga colpito molto di più di quanto lo è stato. Sia chiaro: non c’è da crocifiggere, ma almeno delle scuse per questo danno a 11 milioni di guidatori sarebbero gradite.
Si è dovuto mangiare pane e cipolla per anni sotto il grido di “austerità”. Adesso come minimo la Germania deve dimostrare di saper fare pulizia adeguatamente. Altrimenti col cavolo che si continuerà a credere ad un Capo di Stato incapace di tenere le redini del proprio paese.
Prima si dia prova di essere capace di controllare i cavalli della carrozza e poi si potrà accettare di trattare sul prezzo della corsa…