Pensiero numero centoquarantadue

Un uomo da solo è duplice: può essere se stesso in quanto numero o in quanto singolo.
Se tu moltiplichi la tua persona nella tua vita puoi costruire diversi castelli contemporaneamente. Con il rischio che possano crollare perché non riesci a dare la stessa attenzione a tutto, ma intanto costruisci.
Se tu rimani singolarmente te, il castello che costruisci è solo uno. Una sola stanza. Una sola vita. Uno solo, cioè te stesso.
Il discrimine tra quello che è meglio fare, se sduplicarsi o rimanere solo se stesso, si rimette al giudizio di ciò che si preferisce fare della propria vita.
Al netto dell’essere una persona rispettosa degli altri ed in primis di se stesso e delle proprie forze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...