Pensiero numero centoventuno

Un luogo dove il libro è il padrone non può che essere un luogo dove le persone non trovano un pretesto per scannarsi. E’ un posto dove lasciare fuori tutto e rivestirsi dell’immane capacità che un libro possiede di vestire di esperienza nuova qualsiasi mente.
Il fatto però che il libro sempre più sia diventato un oggetto composto non da lettere ma da 0 e 1 ha portato a riflettere. Che da mezzo parzialmente democratico è diventato un mezzo per pochi eletti non democraticamente ma tecnocraticamente più adeguati.
Chi sta leggendo queste poche righe sa che la letteratura è diventata parte di un progetto più ampio in cui mezzi digitali hanno sempre più una rilevanza.
E’ questo che ammazza la capacità di leggere: da una parte il prezzo è inaccessibile, dall’altra parte non lo è ma ti devi rapportare con un mezzo digitale.
C’è solo una via d’uscita: i discorsi orali nella piazza con il tempo contato, come nell’antichità…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...