Pensiero numero quarantasette

rischio-idrogeologico-5500-comuni-italiani-sono-a-rischio-calamita-naturali

Youreporter: i video del momento

Chissà perché fermarsi a guardare chi si trova in una brutta situazione ha un che di particolare. Tu te ne stai tranquillo a casa tua, davanti al tuo computer a digitare mentre fuori il sole splende e non c’è un filo di pioggia che distrugge la tua macchina o la tua casa. Tu fai il tuo porco comodo, mentre il mondo va avanti e una parte di questo ha l’acqua in casa o magari l’acqua non ce l’ha proprio, come Messina in Sicilia. Non ci si sente leggermente sporchi?
Non sarebbe necessario fare qualcosa per tutte quelle situazioni di pericolo?
Nel piccolo di essere un internauta, si può fare un appello a tutte quelle persone che adesso sono al caldo o all’asciutto, o tutte e due insieme: preparatevi a certe calamità. Non siate come quelli che tanto tutto va bene Madama la Marchesa. Documentatevi su come mettersi in sicurezza quando succedono calamità a cui si sa un territorio essere soggetto. E se voi da soli non potete, spingete la vostra classe dirigente locale a fare tutto il necessario. Altrimenti per quale motivo vengono pagati sindaco e assessori?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...