Pensiero numero ventiquattro

Grasso boccia emendamenti Calderoli

Si può dire tutto della libertà di un senatore di presentare emendamenti ad un disegno di legge. Ma non si può dire lecito fare una mossa del tutto adeguata a bloccare un progetto di legge secondo una cosa consueta come gli emendamenti.
Nessuno può dire che quegli emendamenti fossero illegittimi o magari fatti apposta per fare numero e fare ingolfamento del sistema. Ma si può forse non avere il sospetto che si sia voluto bloccare deliberatamente una legge che toglierebbe tanto dalla situazione del paese e della legge fondamentale che lo regola?
Che il presidente Grasso abbia tolto di mezzo tutti quegli emendamenti è cosa fisiologica. Ma si può forse, anche in questo caso, non avere il sospetto che ci sia la longa manus di una persona in determinata sede più potente di Grasso stesso?
Sono tanti i sospetti. Tra cui quelli ancora di Calderoli e Grasso stessi: da una parte c’è la voglia di intralciare l’operato di Renzi in una delle cose che più gli stanno a cuore come la riforma del Senato che se portata in porto può ingigantire la popolarità di Renzi; dall’altra parte c’è il Presidente Grasso che non ripulisce in toto la lista degli emendmenti, quando magari sarebbe servita una settimana, massimo due, e l’intera task force della cancelleria della Presidenza del Senato per dare almeno una occhiata agli emendamenti Calderoli, e salvare il salvabile senza attirarsi accuse di partigianeria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...